Alla fine di una pessima gita al passo della Novena (Ch)

 camera Alla fine di una pessima gita nei pressi del passo della Novena (Ch)

Search? Find!

Loading

Il mantra dello scialpinista freerider

Libero adattamento da Tsang Nyong Heruka, Centomila Canti di Milarepa, traduzione dal tibetano a cura di Franco e Kristin Pizzi, Ed. «Rassegna Culturale J.M.». Roma 1989, p. 101 s.

Errata: yoghi
Corrige: scialpinista freerider


Come un criminale scappato dalla prigione,
lo scialpinista freerider ha abbandonato il suo paese natio e ne è felice!

Come un cavallo liberato dalle briglie,
lo scialpinista freerider non ha attaccamenti e ne è felice!

Come un animale ferito, isolato dal branco,
lo scialpinista freerider vive in solitudine e ne è felice!

Come un'aquila che fende il cielo,
lo scialpinista freerider è sicuro della sua visione e ne è felice!

Come l'aria che si sposta nel cielo,
lo scialpinista freerider si espande ovunque e ne è felice!

Come un pastore che bada al suo gregge,
lo scialpinista freerider protegge le sue esperienze di vacuità e chiarezza e ne è felice!

Come il Monte Meru al centro dell'universo,
lo scialpinista freerider rimane stabile e ne è felice!

Come lo scorrere di un grande fiume,
le esperienze dello scialpinista freerider fluiscono continuamente e ne è felice!

Come una pietra che affonda in un lago,
lo scialpinista freerider non torna indietro e ne è felice!

Come il sole che brilla nel cielo,
la luce dello scialpinista freerider rischiara ogni cosa, e ne è felice!

Come le foglie della palma, che non ricrescono una volta tagliate,
lo scialpinista freerider sa che non rinascerà ed è felice!